L’Antico Dolce della Cattedrale è un dolce tipico di Novara dalla dall’impasto soffice, rotondo e con la crosta dorata. Il suo impasto è composto da farina, zucchero, burro, uova, lievito vanigliato, buccia di limone, prugne e albicocche sotto grappa, grappa di Nebbiolo, frutta e latte. La cottura è di circa 45 minuti in forno a 180°C e solitamente ha un peso di circa 0.5 Kg. In seguito alla cottura si lascia riposare il tutto per un giorno intero. L’Antico Dolce della Cattedrale ha origini risalenti al 1800 ed è stato riscoperto grazie alle accurate ricerche fatte dalla Fondazione degli Amici della Cattedrale di Novara. Infatti questo gruppo di persone, in seguito a dei riferimenti e degli indizi presenti in alcuni libri cerimonieri della Cattedrale di Novara, sono riusciti a trovare l’antica ricetta. In passato, a Novara, era usanza distribuire questo dolce a chi partecipava alla celebrazione delle messe in onore di San Biagio (3 Febbraio), di San Benedetto (21 Marzo), di San Giorgio (23 Aprile), di San Giovanni Battista (24 Giugno) e di San Siro (9 Dicembre). La ricetta originaria è differente da quella attuale. Infatti nella ricetta dell’antica torta erano presenti acquavite, grasso d’oca e miele invece della grappa, del burro e dello zucchero. Essendo privo di conservanti, questo dolce può conservarsi per circa 15 giorni.