La razza del Coniglio Grigio di Carmagnola è una popolazione di conigli comuni molto diffusi in alcune aziende nei dintorni dell’omonimo comune. Questo coniglio era molto presente nelle fattorie negli anni cinquanta ma ebbe un forte declino negli anni successivi. Infatti, nei primi anni Ottanta, era praticamente scomparso come razza pura. Nel 1982, un gruppo di ricercatori dalla Facoltà di Agraria di Torino, eseguì un’indagine volta a trovare gli ultimi esemplari presenti nella zona. Questa ricerca portò alla creazione di un nucleo di esemplari di Conigli dal mantello grigio acquistati nei comuni di Carmagnola, Piobesi e Vigone. Il Coniglio Grigio di Carmagnola presenta una muscolatura asciutta e soda e il peso varia in base al sesso dell’animale. Gli esemplari maschi possono pesare dai 3.5 ai 5.5 kg mentre gli esemplari femmina possono pesare dai 3 ai 4.5 kg. Il pelo grigio è di media lunghezza, molto soffice e folto. Il colore della pelliccia risulta più chiara (mai bianca) sul ventre, sul muso, sugli arti posteriori e sulla parte inferiore della coda.Le caratteristiche orecchie possono avere un pelo tendente al nero e possono raggiungere una lunghezza massima di 14 cm. Gli occhi sono generalmente bruni o rossi. Le linee guida per essere denominati Coniglio Grigio di Carmagnola impongono agli allevatori un alto benessere dell’animale, un’età di almeno 105 giorni e un peso prima della macellazione superiore a 1.9 Kg. Questo Coniglio è il nostro fiore all’occhiello nelle razze rustiche insieme al Cappone di Monasterolo, alla Gallina Bianca di Saluzzo e alla Gallina Bionda Piemontese.