Tomino del Bot

Il Tomino del Bot è un formaggio tipico della Bassa Valle Varaita e in particolare nelle zone di Venasca (CN). Questo formaggio viene prodotto tutto l’anno con latte vaccino intero e pastorizzato. L’estrazione della cagliata è manuale e avviene all’interno di appositi contenitori di plastica. Si lascia il prodotto a sgrondare dal siero per circa 18 ore ad una temperatura di 20°C. Durante questo periodo, il formaggio viene salato a secco o in salamoia.

La sua stagionatura avviene all’interno di celle frigorifere su griglie in acciaio e stuoie per una durata che varia dai 3 ai 4 giorni. Ogni giorno, il Tomino del Bot viene girato.

La pasta bianca è semi-molle ed il sapore è dolce con un lieve sentore acido fresco. La sua forma è cilindrica, il suo diametro è di circa 10 cm e il suo peso è di circa 350 gr. Nei formaggi meno stagionati non è presente la crosta mentre in quelli stagionati è presente una crosta rugosa e con una lieve muffa bianca.

In piemontese il termine Bot significa “di un tempo” oppure “di una volta”. In questo caso si vuole indicare che questo tomino è fatto come si faceva in passato.

Tradizionalmente il Tomino del Bot viene consumato con patate lesse schiacciate e calde accompagnate da una noce di burro.

Vedi anche Tomino del Talucco e Seirass del Fen.

Sei un produttore di “Tomino del Bot”?

Vorresti comparire in questo articolo?