Le Violette Candite: le compagne dei Marron Glacè.
Le Violette Candite sono fiori di violetta ricoperti dizucchero semolato e gomma arabica. La loro tradizionale metodologia di produzione è lunga e laboriosa. Tutto assolutamente fatto a mano. Questi due elementi rendono le Violette Candite un bene limitato. Il loro luogo di produzione è Borgo San Dalmazzo in provincia di Cuneo. Per avere delle violette candite di prima qualità, i produttori raccolgono le violette le prime ore del mattino. Questi fiori vengono coltivati in campo aperto e vengono sfruttati solo i fiori freschi, sani e con petali robusti. La raccolta avviene tagliando il gambo a circa un centimetro dal fiore. Ora i fiori vengono allargati, petalo per petalo, su una sospensione su gomma arabica. Dopo questa operazione, i fiori vengono spolverati con zucchero semolato e in seguito vengono posti nelle brillantiere. Questo contenitore è una cassetta dotata di rubinetto di scarico e di due fondi. Il primo fondo del contenitore, quello superiore, è retinato. Una volta distesi i fiori qui dentro vengono coperti da uno sciroppo di zucchero freddo (detto brillante). Ora il contenitore viene messo in una stufa a 30-35°C per 6 ore. Dopo le 6 lunghe ore, viene fatto defluire lo sciroppo e alzando solo il primo fondo si scola lo sciroppo rimanente. Nella tradizione piemontese, le Violette Candite venivano servite in accompagnamento ai Marron glacè.