Brût e Bon, detti anche Brût ma Bon, sono un dolce tipico piemontese che si presentano come dei pasticcini secchi con la forma irregolare. Gli ingredienti sono tipicamente mandorle e/o nocciole, vaniglia, albume, zucchero e in alcuni casi anche cannella e con copertura di cioccolato. Questi ottimi biscotti della tradizione piemontese sono molto buoni anche se non hanno la stessa notorietà del più famoso Gianduiotto. Brût e Bon Per prepararli, come prima cosa, si monta l’albume e lo zucchero. In seguito si aggiunge la frutta secca (nocciole e/o mandorle) ridotta a granella. L’ultimo ingrediente da aggiungere è la vaniglia ed eventualmente la cannella. Ora si deve mettere in tegame il prodotto e mescolarlo a fuoco lento. Una volta che il l’impasto raggiunge l’ebollizione si possono preparare dei mucchietti su della carta oleata. La cottura deve avvenire in forno per 20 minuti a 160°C I Brût e Bon possono essere conservati per mesi se posti in un luogo con temperatura inferiore ai 20°C. Questi biscotti sono tipici di molti comuni del Piemonte ma il più famoso è di certo il comune di Borgomanero in provincia di Novara.