Il Cardo Avorio è un ortaggio tipico di Isola d’Asti e della frazione Motta di Costigliole. La sua coltivazione è presente sul territorio fin dal 1914 quando la Società Orticola Astigiana evidenziò un forte interesse nella zona.

Ciò che distingue questo cardo dagli altri è la sua altezza che può raggiungere i 120 centimetri. Il colore delle foglie è verde grigiastro e la loro forma è frastagliata. La semina avviene da metà magio per mezzo di apposite seminatrice pneumatiche. Dopo circa un mese dalla semina si procede ad un leggero diradamento e a inizio Ottobre avviene la raccolta. A differenza della semina, questa fase avviene in maniera completamente manuale.

Durante i mesi di crescita del Cardo Avorio, in caso di necessità, si può procedere all’irrigazione per aspersione o per infiltrazione. Le erbe infestanti non sono un problema se non nel primo periodo di crescita della pianta. Infatti, dopo questo periodo, la pianta ha un forte sviluppo che soffoca le piante infestanti.

Se ti è interessato l’articolo ti consigliamo di leggere quello relativo alla Cicoria Pan di Zucchero.

 

Cardo Avorio

Aglio di Molino dei Torti è un ortaggio tipico dell’omonimo comune in provincia di Alessandria. Dalla notte dei tempi, questo ortaggio, ha un ruolo fondamentale nell’economia locale (e Piemontese) e ciò è documentato da molti studi storici.

L’aglio è un bulbo che, con le foglie, può raggiungere un’altezza di 70 centimetri. Solitamente il bulbo è composto da 8/10 spicchi che possono avere un colore rosa o bianco.

La semina avviene a mano in appositi solchi mentre la raccolta avviene a giugno per le varietà Borgognone (detto Ravagno) e verso luglio per il vero e proprio Aglio di Molino dei Torti. La varietà Borgognone è adatta per le insalate e va consumato fresco vista la sua scarsa capacità di conservazione.

La raccolta inizia passando un’apposita lama sul terreno che provoca la separazione dell’aglio dalla terra. Questo viene poi disposto in maniera ordinata sul terreno per 7 giorni. Durante questa fase l’aglio viene essiccato naturalmente. Passato questo periodo si procede alla raccolta e all’essiccazione e stagionatura in azienda.

Se ti è interessato l’articolo ti consiglio di leggere quello dedicato alla Bagna Càuda.

Sei un coltivatore di “Aglio di Molino dei Torti”?

Vorresti comparire in questo articolo?