La Grappa con Alambicco a Bagnomaria Piemontese è un liquore ottenuto da particolari strumenti presenti solo nella tradizione della Regione.

La grappa è un distillato unico al mondo perchè è l’unico liquore ottenuto partendo da materia prima solida: la vinaccia.

La vinaccia è ciò che rimane dal processo di vinificazione. Inoltre in essa sono presenti e concentrate tutte le sostanze aromatiche del vino. In Piemonte, sono utilizzate vinacce di Nebbiolo, Dolcetto, Barbera e Moscato.

Lo strumento che permette la creazione di questa particolare bevanda è l’Alambicco a Bagnomaria Piemontese. Esso è composto da un vero e proprio alambicco in rame posto all’interno di una caldaia in acciaio. Tra questi due è presente un’intercapedine in cui si inserisce acqua e, in seguito, vapore acqueo a una pressione di 0,2 atmosfere e una temperatura di 102°C. Il vapore immesso permette di scaldare l’acqua e portarla ad ebollizione. Questo fenomeno permette alle vinacce, presenti all’interno dell’alambicco, di non cuocere e di non emanare oli essenziali e impurezze dannose alla qualità del prodotto finale.

Nell’alambicco viene immesso altro vapore acqueo che, passando lentamente attraverso le vinacce, si arricchisce di alcool e aromi.

Il vapore acque passa in seguito in particolati tubazioni che portano nella colonna di arricchimento e distillazione. Qui, attraverso particolari strumenti, avviene l’eliminazione delle impurità ancora presenti nel vapore. Tutta questa procedura ha una durata di 1 ora.

La grappa ottenuta al termine della lavorazione presenta una aroma tondo, equilibrato e provo di asperità. Tra tutte le produzioni piemontesi, questa particolare grappa rappresenta circa il 4% della produzione.

La tecnologia di produzione della Grappa con Alambicco in Bagnomaria Piemontese viene sfruttata solo in 2 impianti in tutta la regione: il primo a Mombercelli (AT) mentre il secondo a Silvano d’Orba (AL).

In Piemontese la grappa è chiamata branda.