Nocciola Tonda Gentile

La Nocciola Tonda Gentile è una varietà di nocciola presente nelle province di Cuneo, Asti e Alessandria. Questa varietà è però presente, con risultati in termini di resa minori rispetto al Piemonte, anche in Emilia Romagna, Toscana e ad uso privato in Puglia e Molise.

Questa nocciola, che presenta il marchio IGP (Indicazione Geografica Protetta), ha una resa di 2500 kg per ettaro ed è considerata la migliore varietà in ambito mondiale. Per questo motivo su mercato si trova ad un prezzo superiore rispetto a tutte le altre varietà.

Le caratteristiche che rendono unico la Nocciola Tonda Gentile sono:

 

  • La forma tonda che permette una facile lavorazione meccanica;
  • Il guscio sottile che garantisce una resa elevata del prodotto sgusciato;
  • Buon aroma e sapore delicato;
  • La pellicola che avvolge il seme e facilmente asportabile.

Inoltre, questa varietà di nocciola, è costituita per il 40% da acidi grassi monoinsaturi (ad esempio l’acido elico che è presente anche nell’olio extravergine di oliva). L’utilizzo della nocciola nella dieta quotidiana consente di regolare il così detto colesterolo cattivo. Inoltre, questa varietà di frutto secco, contiene la quantità più significativa di vitamina E (dopo la mandorla).

La produzione della Nocciola Tonda Gentile è storicamente legata all’industria dolciaria piemontese dato il suo utilizzo nella famosa crema al Gianduja e, di conseguenza, nei Gianduiotti.

Nel 1993 è presente in Piemonte il Consorzio di tutela Nocciola Piemonte che ha lo scopo di promuovere e di tutelare questo frutto importante per il territorio piemontese.

La Nocciola Tonda Gentile può essere trovata anche con i sinonimi Tonda Gentile Trilobata e Tonda Gentile delle Langhe. Quest’ultima terminologia è però errata dato che alcune norme non permettono l’utilizzo di una denominazione di un luogo all’interno di una denominazione di una varietà.

Sei un coltivatore di “Nocciola Tonda Gentile”?

Vorresti comparire in questo articolo?