Il Ratafià, in genere, è un liquore composto da un infuso a base di succhi di frutta e alcool. In Piemonte viene prodotto su tutto l’arco alpino ed è prevalentemente utilizzata la ciliegia nera. La sua produzione però è da sempre legata al comune di Andorno Micca in provincia di Biella dove questo liquore è presente dal 1600. Inizialmente la sua produzione era legata al monastero di Santa Maria della Sala mentre dal 1880 divenne una produzione di alcune famiglie. Il suo periodo d’oro fu’ sicuramente tra la del metà del Settecento e la metà dell’Ottocento. La gradazione alcolica è moderata (circa 26% vol). L’origine del nome deriva dal Piemontese “rata fià” che significa “gratta fiato” (sensazione che si prova dopo averlo bevuto). Oltre alla produzione Piemontese ed Italiana in generale, il Ratafià si può trovare anche in Spagna, Francia e Svizzera. Vi è piaciuto l’argomento? Vi consiglio di leggere un altro articolo riguardante una bevanda particolare piemontese: il Rosolio.