Castagne delle Valli di Lanzo

Con il termine Castagne delle Valli di Lanzo si vogliono indicare alcune varietà locali prodotte da sempre nelle omonime valli.

Tra le varietà coltivate troviamo la Tempurive, la Spinacorta, la Qua, la Spinalunga, la Viri, la Viri Tardiva e la Riundette.

Le Castagne delle Valli di Lanzo sono frutti di pezzatura piccola e media. La raccolta avviene completamente a mano senza macchinari appositi per la raccolta. Questa fase avviene unicamente con l’utilizzo di un rastrello o una pinza di ferro che aiuta il raccoglitore a non pungersi con gli aculei dei ricci.

Dopo questa fase si lasciano i ricci, con ancora il frutto all’interno, in appositi locali chiamati ricciaie. Qui il riccio secca in maniera naturale e permette ai raccoglitori di estrarre la castagna più facilmente.

I castagni crescono e prosperano in una fascia altimetrica compresa tra i 500 e poco sopra i 1000 metri.

Dopo un decennio di scarso mercato, si sta sviluppando un certo interesse per queste castagne che ora si posso trovare anche fuori dai confini della Valle di Lanzo.

Se ti è piaciuto questo articolo non perderti quello dedicato al Marrone della Val Pellice.

Sei un coltivatore di “Castagne delle Valli di Lanzo”?

Vorresti comparire in questo articolo?